Personale docente

Paolo Carletti

Ricercatore universitario confermato

AGR/13

Indirizzo: VIALE DELL'UNIVERSITÀ, 16 - LEGNARO PD . . .

Telefono: 0498272934

E-mail: paolo.carletti@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 9:00 alle 11:15
    presso Studio del docente

1. Percorso formativo e professionale individuale.
Paolo Carletti si è laureato nel 2000 in Scienze Forestali ed Ambientali presso la facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi svolta in collaborazione con l’Institut für Pflanzenphysiologie della Karl- Franzens -Universität Graz (A) ed il punteggio di 110/110 e lode. Dopo aver svolto il Dottorato di ricerca di Ricerca in “Produttività delle Piante Coltivate” XIX ciclo, in collaborazione con l’Instituto de Estructura de la Materia –CSIC- Madrid, è stato titolare di assegno di ricerca sul progetto “Studio dell’attività biologica delle sostanze umiche sul metabolismo radicale attraverso un approccio proteomico”. Nel dicembre 2008 ha preso servizio come ricercatore universitario.
2. Attività scientifica in breve
La ricerca ha avuto come argomento principale lo studio delle sostanze umiche. Vari aspetti di questi composti sono stati presi in esame. La struttura di queste complesse molecole è stata investigata tramite l’utilizzo di tecniche di spettroscopia. Gli aspetti legati ai fenomeni di “carbon sequestration” e l’utilizzo dei composti umici come molecole marker delle condizioni del suolo sono stati studiati sia in ecosistemi forestali che agrari. Infine i meccanismi di azione dell’attività biologica delle sostanze umiche sono stati investigati, anche tramite tecniche di proteomica.
3. Attività didattica con indicazione del SSD, corsi di laurea e di dottorato di afferenza.
Settore: AGR 13.
Docente di Chimica organica e Biologica, Corso STAg Triennale AA. 2008/2009; 2009/2010; 2010/2011.
Docente di Metodologie avanzate per l'analisi degli alimenti, Corso STAl Magistrale AA. 2009/2010 ad oggi.
Afferisce alla Scuola di Dottorato in Scienze Animali e Agroalimentari.


1.Pubblicazioni di tipo didattico e divulgativo

CHIARINI F, CONTE L, NARDI S, P. CARLETTI, DAL FERRO N, MORARI F (2010). La prova sperimentale al centro ’Po di Tramontana’. In: Chiarini F, Conte L. Avvicendamenti,consociazioni e fertilità del suolo in agricoltura biologica. Veneto Agricoltura Regione Veneto, LEGNARO: 23- 37.

CHIARINI F; CONTE L; NARDI S; P. CARLETTI; DAL FERRO N; MORARI F; (2010). I parametri per il monitoraggio della fertilità. In: Chiarini F, Conte L. Avvicendamenti,consociazioni e fertilità del suolo in agricoltura biologica. Veneto Agricoltura, LEGNARO: 11- 17.

CASON D; CARLETTI P; FRIZZERA L; NARDI S. (2008). Studio della componente organica del suolo di faggete trentine in relazione al trattamento selvicolturale FOREST@ (ISSN:1824-0119), 20- 27, 5

NARDI S; CARLETTI P.; ERTANI A; PIZZEGHELLO D. (2006). Conoscere e valutare l'attività biostimolante INFORMATORE AGRARIO (ISSN:0020-0689), 2- 5, 45


2. Pubblicazioni scientifiche

VAMERALI T; BANDIERA M; HARTLEY W; CARLETTI P; G. MOSCA. (2011). Assisted phytoremediation of mixed metal(loid)-polluted pyrite waste: Effect of foliar and substrate IBA application on fodder radish. CHEMOSPHERE (ISSN:0045-6535), 213- 219, 84;

CARLETTI P.; ROLDAN M.L; FRANCIOSO O; NARDI S; SANCHEZ-CORTES S. (2010). Structural characterization of humic-like substances with conventional and surface-enhanced spectroscopic techniques JOURNAL OF MOLECULAR STRUCTURE (ISSN:0022-2860), 169- 175, 982;

CARLETTI P.; VENDRAMIN E.; PIZZEGHELLO D.; CONCHERI G.; ZANELLA A.; NARDI S.; SQUARTINI A. (2009). Soil humic compounds and microbial communities in six spruce forests as function of parent material, slope aspect and stand age PLANT AND SOIL (ISSN:0032-079X), 47- 65, 315;

CARLETTI P; MASI A.; B. SPOLAORE; P. POLVERINO DE LAURETO; M. DE ZORZI; L. TURETTA; M. FERRETTI; S. NARDI (2008). Protein Expression Changes in Maize Roots in Response to Humic Substances JOURNAL OF CHEMICAL ECOLOGY (ISSN:0098-0331), 804- 818, 34(6);

MARINO G; FRANCIOSO O; CARLETTI P.; NARDI S; GESSA C. (2008). Mineral content and root respiration of in vitro grown kiwifruit plantlets treated with two humic fractions JOURNAL OF PLANT NUTRITION (ISSN:0190-4167), 1074- 1090, 31;

PIZZEGHELLO D; ZANELLA A; CARLETTI P; NARDI S. (2006). Chemical and biological characterization of dissolved organic matter from silver fir and beech forest soils CHEMOSPHERE (ISSN:0045-6535), 190- 200, 65;

MONTECCHIO D; FRANCIOSO O; CARLETTI P; PIZZEGHELLO D; CHERSICH S; PREVITALI F; NARDI S. (2006). Thermal analysis (TG-DTA) and drift spectroscopy applied to investigate the evolution of humic acids in forest soil at different vegetation stages JOURNAL OF THERMAL ANALYSIS AND CALORIMETRY (ISSN:1388-6150), 393- 399, 83;

CARLETTI P.; MASI A.; WONISCH A.; GRILL D; TAUSZ M.; FERRETTI M. (2003). Changes in antioxidant and pigment pool dimensions in UV-B irradiated maize seedlings ENVIRONMENTAL AND EXPERIMENTAL BOTANY (ISSN:0098-8472), 149- 157, 50;

Studio dell’attività biologica delle sostanze umiche
Le sostanze umiche costituiscono una categoria di composti organici naturali, direttamente correlabili alla fertilità dei suoli, in grado di esercitare un effetto positivo sulla crescita delle piante attraverso la modulazione della complessa rete metabolica, agendo da efficaci bio-stimolatori. Malgrado numerose ricerche siano state effettuate negli ultimi 25 anni, il meccanismo con cui queste sostanze influenzano le attività enzimatiche e la crescita vegetale non è ancora stato del tutto compreso. Solo di recente questo sistema di interazioni è stato analizzato nel dettaglio con tecniche proteomiche e trascrittomiche, prendendo in considerazione gli effetti che coinvolgono l’intero cammino metabolico.
I composti umici nei suoli forestali: importanza della roccia madre e delle variabili topografiche
Le caratteristiche dei suoli sono da un lato il risultato dei processi di formazione ed evoluzione e dall’altro regolano la produttività e la sostenibilità degli ecosistemi terrestri. In ambito forestale, la comprensione della dinamica dei composti organici del suolo in funzione delle caratteristiche dei siti e del soprassuolo arboreo è di particolare importanza per una corretta gestione delle risorse, anche nell’ottica di predire come i cambiamenti climatici possano influenzare il contenuto e l’accumulo di carbonio nei suoli.
Studio dei parametri di qualità del suolo in avvicendamenti a gestione convenzionale o biologica più o meno conservativi
La crescente minaccia dei cambiamenti ambientali e la sostenibilità delle produzioni agricole impongono una valutazione critica delle strategie agronomiche. L’agricoltura biologica è stata proposta come una valida alternativa alle tecniche convenzionali. Lo scopo di questa ricerca è stato valutare i cambiamenti indotti da differenti tipi di conduzione agronomica sui parametri fisico-chimico-biologici del terreno e stimare il potenziale di queste misure per rilevare le variazioni di fertilità del suolo e gli effetti della gestione sulla qualità del suolo.
Studio degli aspetti della conformazione strutturale dei composti umici in funzione del pH tramite spettroscopia SERS.
I composti umici sono molecole estremamente complesse ed eterogenee, la cui caratterizzazione chimica e definizione strutturale presenta ancora aspetti da delucidare. Il comportamento delle strutture molecolari di sostanze umiche a diversi pH è stato investigato tramite tecniche tradizionali in fluorescenza e applicando la spettroscopia SERS (Surface Enhanced Raman Scattering) accoppiata alla tecnica SEF (surface enhanced fluorescence).
Studio dei parametri di qualità del suolo in fasce tampone di diversa composizione.
Le fasce tampone costituiscono una delle principali misure di mitigazione dell’inquinamento da ruscellamento superficiale e da deriva e la loro efficacia è ampiamente documentata in letteratura. Le fasce tampone hanno altresì un impatto positivo sulla salute ecologica degli ambienti rurali, promuovendo la biodiversità.La ricerca ha come obiettivo confrontare le differenze sui parametri quali-quantitativi dei composti organici e le attività enzimatiche del suolo di fasce tampone con 4 diverse strutture.

www.unipd.it